La ritenzione idrica, spiegata bene

La ritenzione idrica, spiegata bene

La ritenzione idrica, spiegata bene

La ritenzione idrica è un disturbo molto comune, soprattutto fra le donne, che consiste in un accumulo di liquidi all’interno dell’organismo, che non riescono ad essere espulsi in modo efficace e si vanno ad accumulare negli spazi interstiziali (quelli tra cellula e cellula), soprattutto in alcune zone del corpo come gambe, cosce, glutei e addome.

Questo accumulo di liquidi genera un ristagno sia dei liquidi stessi sia delle tossine che causano rigonfiamenti ed edemi che, alterando la circolazione sanguigna, rallentano anche il passaggio dell’ossigeno nel corpo.

Le cause della ritenzione idrica possono essere varie:

  • Cattiva alimentazione, specialmente quella troppo ricca di sale, proteine, con elevato consumo di alcolici e inadeguato apporto idrico

  • Stile di vita troppo sedentario

  • Sovrappeso

  • Alcune patologie e infiammazioni

  • Uso frequente o prolungato di alcuni farmaci come antinfiammatori, cortisonici, terapia ormonali e contraccettivi

  • Condizioni di insulino-resistenza

Per verificare se si soffre di ritenzione idrica basta premere con forza il pollice sulla parte anteriore della coscia per un paio di secondi e, quando si toglie il dito, verificare se rimane bene visibile il segno, nel qual caso molto probabilmente si è in presenza di ritenzione idrica.

Per curarla, bisogna agire sulle cause che hanno dato origine al disturbo, specialmente se si tratta di patologie importanti.

In ogni caso, spesso si può intervenire in maniera incisiva sulla ritenzione idrica migliorando il proprio stile di vita, seguendo questi semplici e basilari consigli:

  • Eliminare o ridurre il più possibile il sovrappeso

  • Seguire un’alimentazione corretta e bilanciata, povera di sodio

  • Aumentare il consumo di frutta e verdura, soprattutto fresche e di stagione, così da garantire un giusto apporto di vitamine e sali minerali all’organismo e favorire la circolazione

  • Bere a sufficienza, almeno due litri di acqua al giorno

  • Assumere con moderazione bevande alcoliche, zuccherate e gasate

  • Fare periodicamente una dieta disintossicante

  • Assumere tisane drenanti

  • Praticare una regolare attività fisica (le più indicate sono la camminata a passo veloce, il nuoto, la bicicletta e lo stretching)

  • Evitare il fumo

  • Non abusare di farmaci e caffè

  • Non indossare abiti troppo stretti e tacchi troppo alti

  • Nei periodi di caldo intenso, fare docce alternate calde/fredde alle gambe, partendo dalle caviglie e risalendo fino alle cosce. Ultimando sempre con l’acqua fredda, così da favorire la circolazione

  • Quando si può, alzare le gambe. Una buona abitudine è quella di mettere un piccolo rialzo sotto al materasso dalla parte dei piedi, così da tenerle leggermente rialzate quando si dorme.

In associazione a tutto ciò, si possono assumere specifici integratori alimentari formulati proprio per favorire il miglioramento della micro circolazione e massaggiare localmente creme che aiutano a contrastare la ritenzione idrica.

Hai ulteriori curiosità sulla ritenzione idrica? Contattaci! Lo staff della Farmacia Greco sarà lieto di rispondere a tutti i tuoi quesiti!